Blog

VERDE NERO

date: 19 April 2012 at 09:46:47

“Boschi & Bossoli” è un romanzo molto speciale per noi: è il primo thriller di Michael Gregorio scritto in italiano, ambientato in Italia e pubblicato da un editore italiano.

Tre dei nostri precedenti thrillers che hanno come sfondo la Germania dell’800, sono stati scritti in inglese e pubblicati prima in Inghilterra e in America e poi tradotti in italiano da Einaudi Stile Libero. Il quarto “Unholy Awakening”, ancora una indagine del Procuratore Hanno Stiffeniis, uscirà sempre con Einaudi Stile Libero nei prossimi mesi.

Insomma fino ad ora, le nostre storie nascevano in inglese, erano pubblicate da editori inglesi ed americani e poi tradotte, oltre alle altre lingue, in italiano.

“Boschi & Bossoli” percorre invece il cammino inverso e per noi ha rappresentato una sfida: altra ambientazione, altri personaggi, altra epoca, altra lingua e altro ritmo narrativo. È un noir moderno con pistole, ferocia e morti violente, dove, siccome chi lo pubblica è un editore di thrillers di eco-mafia, ha, fra gli altri, anche un personaggio molto particolare: il paesaggio.

Dal 2003 ci siamo coinvolti in proteste che potremmo definire ambientaliste per salvaguardare paesaggio, centro storico e scorci della città dove viviamo. Come accade in tanti altri luoghi d’Italia, una serie di progetti, costruzioni ed edifici hanno imbruttito e deturpato il patrimonio più ricco della città. Quello che la rende particolare: il centro storico, il paesaggio, gli scorci. Insomma il carattere che contraddistingue il luogo e che ne ha determinato negli anni passati la fortuna turistica e culturale. Nonostante le manifestazioni, la raccolta di firme, le petizioni alle autorità, i pubblici dibattiti e le marce, le ferite inferte alla città sono state molte e, temiamo, potrebbero non essere finite.

Se uno scrittore pensa di non avere più strumenti per dire quello che vuole dire, gli resta la penna e la fantasia. Per questo quando l’editore Alberto Ibba di Verde Nero ci ha chiesto se avevamo voglia di scrivere un noir su tematiche di eco-mafia e ambientato nell’Italia contemporanea, non ce lo siamo fatto ripetere due volte. Abbiamo immaginato una trama che si svolge in un luogo situato nel centro Italia che potrebbe essere qualunque luogo e che diventa terreno di scontro per una guerra subdola, cinica e criminale, con personaggi che la combattono senza esclusione di colpi.

Qualcuno ha definito il genere “noir” come quello in cui tutti i personaggi sono cattivi e la giustizia non trionfa. “Boschi & Bossoli” è un noir molto nero, dove, secondo le regole, ci sono colpevoli e meno colpevoli.

Ma ci sono anche le vittime.

Anni fa, cinque giovani che avevano protestato insieme a centinaia di altre persone in favore dell’integrità del paesaggio e della preservazione del centro storico, furono accusati di associazione terroristica, arrestati con una operazione che impiegò un numero di uomini e mezzi spropositato e degni dell’arresto dei più grandi boss mafiosi. Furono incarcerati per mesi, processati e un paio di loro furono trovati colpevoli di associazione di stampo terroristico. La loro vicenda processuale continua e la loro storia non se ne va dalle nostre menti. Quindi abbiamo pensato di usarla come spunto, reinventandola, con personaggi di immaginazione, inquadrandola in una trama che ha come scopo quello che hanno tutti i “noir”: parlare di problemi, intrattenendo il lettore.

Speriamo di esserci riusciti.

Michael Gregorio.

1 Comments

Sherry Nehmer 03 May 2012 at 16:07:39

Se il mio 40-anno-vecchio italiano non ha fallito con me, credo che mi piacerebbe leggere questo, se infine pubblicati in inglese.
...(ouch-I'm sure that was wrong) Which is to say (properly), congratulations, and I hope to read this whenever it becomes available to the language-challenged among us.

Leave a Comment

Security code *